giovedì 30 giugno 2016

La ragazza corvo: un nuovo thriller nordeuropeo, da oggi in libreria

Ed ecco il terzo post della giornata, solitamente non vado oltre i due, ma volevo parlarvi di questo libro troppo accattivante, troppo interessante,  TROPPO tutto!! Guardate che cover *-* e la trama? Come si fa a resistere?
Sto parlando del un nuovo thriller, edito da Corbaccio, La ragazza corvo di Erik Axl Sund, in libreria da oggi 30 Giugno.
Un libro che mi ha fin da subito incuriosita e che potrò leggere nei prossimi giorni grazie alla CE, non vedo l'ora di averlo tra le mani!


Non hai mai visto niente di simile
Eppure sai con certezza
Che non sarà l’ultima volta

LA RAGAZZA CORVO
Corbaccio | 749 pp. | €18,90
Stoccolma: in un parco cittadino la polizia scopre il cadavere di un giovane straniero. Il commissario di polizia Jeanette Kihlberg conduce le indagini, dando la caccia a un misterioso quanto efferato omicida e lottando contro le resistenze interne alla polizia stessa, restia a impiegare le proprie forze per cercare l’assassino di un immigrato sconosciuto. Ma con la scoperta di altri due corpi barbaramente uccisi, Jeanette capisce di trovarsi di fronte a un serial killer e si rivolge alla psichiatra e profi ler Sofi a Zetterlund, con cui lavora giorno e notte incrociando con lei non solo la vita professionale ma anche quella personale. E a mano a mano che procedono nelle indagini, appare chiaro che la catena di omicidi è solo la manifestazione più evidente e raccapricciante di un disegno criminoso e diabolico che coinvolge settori insospettabili della società svedese. «La ragazza corvo» è uno psicothriller adrenalinico, intenso e avvolgente, che mette a nudo il male radicale e l’altrettanto radicale bisogno di vendetta che può covare in ogni essere umano.

«Un viaggio alle origini del male in compagnia di straordinarie protagoniste femminili.» 
Donato Carrisi





Che ne pensate di questo libro?

Recensione: Spalle al muro

Oggi vi aspettano ancora due post, oltre a quello di questa mattina. Prima di mostrarvi un'altra segnalazione, volevo lasciarvi questa recensione.
Come sapete ho letto qualche settimana fa Spalle al muro, l'ho letto in pochissimo tempo, ma a causa degli esami solo oggi sono riuscita a scrivere la recensione.
Si tratta del nuovo thriller di Alan Brenham, autore che ho conosciuto grazie alla traduttrice Monica R. Pelà e di cui avevo già letto Il prezzo della giustizia, qui la mia recensione.

SPALLE AL MURO
397 pp. | €4,66 (eBook)
Dopo il successo de Il prezzo della giustizia, Alan Brenham torna con Spalle al muro, un thriller solido con numerose scene ad alta tensione. Un eccellente romanzo criminale. 
Brady è perseguitato dal ricordo di un caso di rapimento finito in modo tragico…Per evitare che la storia si ripeta, il detective Matt Brady cerca in tutti i modi di risolvere il caso della sparizione di sette giovani donne, ma ben presto dovrà scontrarsi con un’organizzazione criminale che conosce alla perfezione le procedure di polizia, tanto quanto Brady stesso. Un’organizzazione pronta a fare qualunque cosa per essere sempre un passo avanti a lui.
Gli eventi precipitano nel momento in cui una giovane veterinaria, di cui Brady è innamorato, si intromette nelle indagini e rischia di diventare l’ottava vittima. Quando il detective cercherà di proteggerla, si ritroverà nel mirino di uno spietato killer professionista. Riuscirà Brady a risolvere il caso in tempo per salvare il suo nuovo amore, oppure questa indagine segnerà la fine per entrambi?
Link per l'acquisto:


Dopo aver scoperto mesi fa l’autore Alan Brenham ho subito voluto leggere, appena uscito, il suo ultimo lavoro Spalle al muro. Un thriller appassionante e ricco di colpi di scena.
Matt Brady è il detective protagonista di questa storia, sta ancora cercando di affrontare i rimorsi di un caso precedente finito male, ma soprattutto sta cercando di riscattarsi per dare a sé stesso e ai suoi superiori la prova che lui il suo lavoro lo sa fare. La sua ultima possibilità è quella di trovare un presunto serial killer che inizia a mietere terrore in città. Sono già sparite sette giovani donne e ancora non si hanno tracce da seguire. Il colpevole sembra saper precisamente dove e quando agire, per evitare di farsi beccare.
Ma forse le sette donne non bastano, così questa volta a rischiare la vita è una nuova conoscenza del detective, che sembra essere la donna ideale per il serial killer.
Matt Brady è in pericolo insieme all’amica? Come riuscirà a cavarsela questa volta?

Ho trovato il protagonista un uomo determinato, che vuole ad ogni costo aiutare le vittime e le loro famiglie. Credo sia il tipico detective di ogni buon thriller, a cui le cose non vanno sempre bene, anzi il rischio di morte è sempre dietro l’angolo. Ma nonostante tutto continua comunque a preoccuparsi degli altri. L’ho trovato molto ben caratterizzato, un personaggio a tutto tondo, di cui il lettore conoscerà pensieri ed emozioni.
Si capisce subito che l’autore conosce bene l’ambiente poliziesco, per via delle sue descrizioni e dei particolari che inserisce nelle sue storie.
Ho apprezzato la scelta di inserire un accenno di storia d’amore tra il protagonista e la veterinaria. Questa parentesi non intralcerà la storia principale, ma anzi la condisce, rendendola un pizzico più interessante e soprattutto emozionante. Visto tutto quello che succederà alla coppia.
Unico difetto che ho riscontrato è l’aver inserito troppi personaggi, che non sono solo di contorno ma sono proprio fondamentali per la storia. Ho avuto difficoltà ad associare un nome ad ogni personaggio e ricordare ogni volta a chi ci si riferisce. Considerando che ci sono sette vittime, bisogna già ricordare i loro nomi, ho trovato una forzatura ulteriore dover ricordare anche i nomi di altri vari personaggi, come per esempio i colleghi di Matt, che non sono pochi.

Spalle al muro è un libro rocambolesco, in cui non ci si può fermare un attimo, perché succedono sempre nuovi avvenimenti che terranno il lettore incollato alle pagine. È un libro adrenalinico, capace di ammaliare il lettore. Una storia che si legge rapidamente e che vi terrà in buona compagnia.


VOTO



Nuove uscite Giunti: Oblivion II e Il metodo della fenice

Buongiorno carissimi lettori ^^ questo post dovevo scriverlo qualche giorno fa, ma solo ora trovo il tempo per farlo, quindi pazienza, spero apprezziate ugualmente.
Volevo segnalarvi le due nuove uscite per Giunti editore, due titoli che si sono aggiunti in anteprima nella mia libreria. Precisamente ho già letto Oblivion II, il continuo del libro scritto dal punto di vista di Daemon da Jennifer L. Armentrout, invece ho in lettura proprio in questi giorni Il metodo della fenice, un nuovo libro di Antonio Fusco.


Il primo libro di cui volevo parlarvi è proprio Oblivion II, come ho già scritto si tratta della seconda parte del libro scritto dalla Armentrout per raccontare la serie Lux dal punto di vista di Daemon. Uscirà il 6 Luglio, ma io l'ho già divorato, non potevo più aspettare *-* è stato FANTASTICO! Ma potrete leggere presto la mia recensione. 

OBLIVION II
Giunti | 336 pp. | €12,00
Continua il racconto dal punto di vista di Daemon, l'alieno sexy e irriverente adorato da tutte le lettrici.
Era inevitabile, Daemon si sta davvero innamorando di Katy e mai, come in questa occasione, lo ammette in modo così intimo e sincero. La ritrosia di Katy non dura a lungo, Daemon sa essere molto convincente ed è la prima volta che è travolto da un sentimento così piacevole e devastante.
Si sente responsabile per aver coinvolto Katy in qualcosa di molto più grande di lei, ma non ha nessuna intenzione di opporsi ai sentimenti che prova, ormai è troppo tardi per tornare indietro. La loro è una relazione imprudente, ma un pericolo ancora più grande arrivato dallo spazio si aggira sulla Terra. E, come se non bastasse, il Dipartimento della Difesa ormai sa tutto di loro. A sconvolgere ancor più la vita dell'alieno ci pensa la misteriosa ricomparsa della ragazza di Dawson, il gemello che Daemon aveva creduto morto. Troppi segreti oscurano l'universo e per l'alieno ora è giunto il momento di scoprire la verità, però non è più solo. Lui e Katy rischieranno tutto per amore, un amore che va ben oltre i confini dello spazio.

------------------------------------

Il metodo della fenice invece è il nuovo libro di Antonio Fusco, che ha già scritto due libri precedenti raccontando le indagini del commissario Casabona. Io non ho letto i libri precedenti, ma questo non sta influenzando assolutamente la mia lettura di questo terzo libro. Il metodo della fenice è uscito ieri, 29 Giugno. 

IL METODO DELLA FENICE
Giunti | 240 pp. | €12,90
Dopo "Ogni giorno ha il suo male" e "La pietà dell'acqua", un nuovo caso attende il commissario Casabona. "Il metodo della fenice" di Antonio Fusco, terzo imperdibile capitolo della fortunata serie.Novembre, il mese dei morti e della pioggia. Una telefonata anonima sveglia la centrale di Valdenza alle prime luci dell’alba. Il commissario Casabona, che per via di uno scontro con sua moglie da un paio di giorni dorme in questura, è il primo a precipitarsi sul posto: sotto il vecchio ponte di Campanelle, ai confini del bosco dove vive appartata la misteriosa comunità degli Elfi, viene rinvenuto il corpo di una giovane donna, nudo e parzialmente carbonizzato.
Un compito facile per la Scientifica, perché nelle vicinanze emergono subito indizi utili all’indagine. Troppi e troppo in fretta, pensa Casabona. Tanto più che il presunto colpevole viene trovato di lì a poco: in fondo al lago, al volante della sua auto; annegato in seguito a quello che risulta un banale incidente. Ma Casabona non ci sta: il suo istinto gli dice che dietro la storia delle due vittime – lei entraîneuse in un night club, lui pornoattore di fama locale – si nasconde qualcosa di molto più torbido. Qualcuno sta cercando di insabbiare verità scomode che premono per venire alla luce. E qualcuno vuole vedere il fuoco della vendetta ardere sino in fondo, perché è solo dalle ceneri che si rinasce a nuova vita. Per sciogliere il mistero, Casabona dovrà affondare le mani nel ventre molle della provincia italiana, dove l’unica cosa che conta è l’apparenza, eppure niente è come appare. Un’esperienza così sconvolgente e accecante da indurlo a dubitare persino dei suoi affetti più cari.


Che ne pensate di questi due titoli? 




mercoledì 29 giugno 2016

Recensione: Le cesoie di Busan

Avrei voluto scrivere molto prima questa recensione, ma come sapete sono stata impegnata per via degli esami. Comunque finalmente ieri sono riuscita a completarla e finalmente eccola qui, tutta a vostra disposizione.
Prima di farvela leggere volevo ringraziare Karen Waves per avermi dato la possibilità di leggere la sua storia. Presto ci saranno novità riguardo la storia di Valentina e Won-ho, quindi tenete d'occhio il blog e il profilo Facebook dell'autrice: Karen Waves.

LE CESOIE DI BUSAN
194 pp. | €9,98 (cartaceo) | €0,99 (eBook)
Link Amazon: qui
Quando Valentina conosce Won-ho capisce subito tre cose: la prima, che è la persona più antipatica che abbia incontrato in Corea; la seconda, che le sue labbra bellissime non possono cambiare questo fatto; e la terza, che se le chiederà di uscire gli dirà sicuramente di no.
Dopotutto, non hanno niente in comune: solo un pessimo carattere, un umorismo tagliente, la profonda insofferenza per tutto ciò che non si possa fare in tuta e la passione che li consuma ogni volta che si incontrano.
Ma Won-ho è tanto abile nel convincere Valentina quanto lo è a potare gli alberi di Busan e così, tra picnic al chiaro di lampione e caldi pomeriggi nei frutteti, la loro relazione cresce e l’attrazione si fa sempre più intensa.
Anche se la coinquilina di Valentina insiste che si stanno innamorando e che sono fatti l’uno per l’altra, la famiglia di Won-ho si oppone e Valentina si trova di fronte a una scelta difficile.
La storia d’amore con Won-ho sopravviverà, o lei e il suo appassionato potatore hanno i baci contati?


Leggendo Le Cesoie di Busan ho avuto la percezione che il tempo scorresse troppo velocemente, complice anche il numero di pagine - poco meno di 200 - ma immedesimarmi nei protagonisti è stato ancora più facile. Ho provato insieme a loro l’ansia del futuro, fin troppo vicino, che porta a cambiamenti e soprattutto alla lontananza. 
Valentina è una ragazza italiana, che per un breve periodo dell’anno e della sua vita universitaria, ha deciso di frequentare dei corsi a Busan, città portuale della Corea del Sud.
Conoscere nuova gente, avere a che fare con usanze e costumi diversi, parlare una lingua diversa, … sono piccole cose che affascinano la protagonista e che le permettono di ambientarsi molto bene nel nuovo Paese. Ma quello che non si aspetta Valentina è sicuramente di conoscere un uomo, Won-ho un giardiniere che incontra per caso e che sembra molto deciso a voler uscire con lei. Come resistere al suo fascino occidentale? Tutto però si complicherà quando alla fine della sua sessione di esami Valentina dovrà tornare in Italia. Il distacco è traumatico e lasciare per sempre delle persone che hanno fatto parte della tua vita, e soprattutto che l’hanno stravolta, non è affatto facile. 
Ho amato con ogni cellula del mio corpo, l’intensa e passionale storia d’amore tra Valentina e Won-ho, perché seppur breve, fugace e quasi corporea, è di questo che si tratta. Entrambi sembrano aver paura di questo sentimento che li ha stravolti inaspettatamente e sembrano quasi voler convincersi che si tratti solo di attrazione fisica. 
Ma il lettore sente su di sé e percepisce chiaramente quali siano i loro veri sentimenti. 
Oltre a Valentina e Won-ho ci sono altri personaggi secondari che completano il quadro centrale, con le loro vite e le loro storie. Prima tra tutti, ho amato (forse più della stessa protagonista) Yaerim, coinquilina di Valentina, che ho trovato molto simile a me e che mi ha fatto molto sorridere con il suo essere sempre schietta e sincera e soprattutto impicciona.
Anche la stessa Valentina ha un bel carattere, forte e determinato, forse a volte anche un po’ ingenuo. Spesso troviamo una protagonista insicura, che per paura di una delusione, tiene per sé i suoi sentimenti e le sue emozioni. Ma sicuramente le due sono ben caratterizzate, ho apprezzato parecchio questo punto perché le ho trovate molto realistiche.
Altro punto a favore è la descrizione di piccoli particolari della cultura coreana, che possono avvicinare a questo mondo i lettori. Karen Waves conosce la Corea e i suoi usi, e li descrive abilmente, con grande maestria, trasmettendoci la sua passione per questa cultura. 
Le cesoie di Busan è una storia leggera, da leggere in poche ore, ma che vi lascerà dentro tante emozioni positive. Spero di leggere presto il continuo. 


VOTO





WWW Wednesday #5

Buongiorno carissimi lettori ^^ finalmente trovo il tempo per collegarmi e parlare con voi. Nei giorni scorsi sono stata super impegnata per colpa di un esame, che ieri finalmente ho dato con il bellissimo risultato di 30/30 *-* non potete capire la mia felicità, considerando che era uno degli esami più difficile dei tre anni, evviva!!


Comunque questa mattina ho fatto delle commissioni e adesso posso dedicarmi alla puntata di oggi del WWW Wednesday. In questa settimana non ho letto molto, ma sono ugualmente soddisfatta delle mie letture, visti tutti gli impegni che avevo >_<


What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)


Ho iniziato ieri il nuovo libro di Antonio Fusco: Il metodo della fenice, un romanzo noir edito da Giunti. Uscirà proprio oggi 29 Giugno nelle librerie, quindi se avete già letto le storie precedenti del commissario Casabona, non potete perdervi questo libro! Io non ho letto i libri precedenti, ma sono ugualmente curiosa, ma sono ancora all'inizio quindi non mi sbilancio a dare un giudizio.


What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)

 
 

Questa settimana ho letto 2 libri, più un racconto. In realtà due di questi non erano previsti, ma visto che avevo poco tempo ho preferito dedicarmi a qualcosa di veloce e che potesse sicuramente interessarmi. Ovvero ho letto Oblivion II perché non ce la facevo più ad aspettare *-* l'ho letto in due sere e me ne sono innamorata, come faccio ad aspettare il continuo? T.T Per chi non lo sapesse, uscirà il 6 Luglio, ma spero di pubblicare la recensione in anteprima, nei prossimi giorni.
Poi ho letto Adularia - La trafficante di storie, un racconto di Alessia Coppola che avevo vinto ad un giveaway. Erano pochissime pagine e così ho deciso di leggerlo in una sera per rilassarmi. 
Infine ho concluso Ms Kalashnikov, confesso che è stata dura leggerlo, ma mi è piaciuto molto. Vi spiegherò meglio nella recensione.

What do you think you'll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?)

Non ho ancora deciso quale sarà la mia prossima lettura, perché aspetto altre entrate e perché sono ancora all'inizio de Il metodo della fenice, quindi vedrò a lettura ultimata. Sicuramente dovrei dare spazio a Shatter me, che ancora non ho letto -_- aspetto il momento giusto, per godermelo al meglio.


Quali sono le letture della vostra settimana?


lunedì 27 giugno 2016

Recensione: Peter Pan (testo teatrale)

Buon pomeriggio amati lettori! Prima di iniziare a studiare, condivido con voi una lettura che ho fatto sull'aereo in un solo viaggio essendo abbastanza breve. Si tratta di un titolo molto famoso, parliamo infatti del bambino che non voleva diventare adulto rifugiandosi nell'Isola che non c'è, ma non del classico romanzo che tutti conoscono. Bensì del testo teatrale dello stesso Barrie del 1904 che successivamente ha rimaneggiato la storia addolcendola. Chi è allora Peter Pan?

PETER PAN
Feltrinelli | 202 pp. | €7,50

Il 27 dicembre 1904, il teatro Duke of York di Londra mise in scena la commedia "Peter Pan. The Boy who Wouldn't Grow Up" dello scrittore scozzese Barrie. Fu un trionfo. Ma anche l'inizio di un equivoco. Le successive rielaborazioni letterarie operate dallo stesso Barrie offuscarono infatti la carica "demoniaca" del testo teatrale. L'androgino Peter incarna l'immaturità, l'archetipo di un "complesso" che affligge una consistente parte di individui moderni (tanto che c'è stato chi ha definito il fenomeno "sindrome di Peter Pan"). È anche il simbolo svolazzante del sogno utopico, come vita e come nulla. Viene qui tradotto per la prima volta in italiano il testo teatrale che ha dato origine al ciclo di Peter Pan. Si ha così l'occasione di scoprire un testo profondo e complesso, a volte ironico, estremamente bello, lontano dal classico stereotipo del "libro per bambini".



Siamo tutti cresciuti assimilando Peter Pan all'innocenza e alla età spensierata dell’infanzia, alla convinzione di credere nei propri sogni, alla capacità di continuare a conservare il bambino insito in noi per guardare sempre in un certo modo la realtà circostante. Ma nel testo teatrale del 1904, Peter Pan non presenta nessuno di questi connotati. Piuttosto, con la sua incapacità di provare emozioni, la sua apatia sentimentale, i suoi capricci egoistici, è il simbolo dell’immaturità. Non un’immaturità intesa come innocenza o ingenuità genuina, ma come incapacità di mettersi a contatto con la realtà, di considerare gli altri intorno a lui, è tutto teso a quello che gli passa per la testa, a soddisfare i suoi desideri momentanei come se fosse tutto un gioco. Peter Pan incarnerebbe quasi, testardo e saccente come è lui, l’ostinata volontà di rimanere bambini, un infantilismo radicale tragico nella sua essenza. Scrive infatti Cataluccio all'interno della prefazione:

“Ma Peter Pan ci dice qualcosa di più inquietante: abbiamo perso i genitori, i punti di riferimento saldi, siamo stati abbandonati a noi stessi, il mondo degli adulti appare sempre più un inferno, meglio fermarsi sulla soglia, rifiutare di entrarci dentro e accettare le sue atroci regole, conviene guardarsi indietro, restare bambini. Il senso della propria inadeguatezza provoca spesso il rimpianto per l’infanzia.”


E proprio questa inadeguatezza ci spinge a fermarci, a restare fuori. Ci spinge a non affrontare la vita, a chiuderci in una corazza, senza cuore, deboli. La volontà di non crescere diventa un meccanismo difensivo, una vera e propria malattia dell’anima. Bisognerebbe invece cercare di accettare con consapevolezza il processo di crescita che ci porterà ad essere adulti. E nella consapevolezza mantenere sempre accesa la fiamma dell’infanzia che non deve soffocare ma illuminare, che non deve bloccarci ma spronarci, che non deve bruciare il mondo intorno a noi ma rischiararlo. Il testo getta quindi una nuova visione, forse la più veritiera essendo la prima creata da Barrie, su un personaggio frainteso nelle rielaborazioni successive. Barrie trasforma il demone tormentato di Peter Pan in un ragazzino simpatico e affabile, dalle mille avventure e dai sentimenti più nobili. Ma in origine non era affatto così. La storia presenta comunque alcuni punti coerenti con la storia successiva, rimasta poi la più conosciuta: Peter Pan e i Bimbi Sperduti vivono una serie di avventure insieme a Wendy e i suoi due fratelli, volando lungo i sentieri dell'Isola che Non C'è (che appare meno magica e idilliaca di quanto pensassi ), affrontando in battaglia Capitan Uncino e la sua ciurma (anche qui da notare come risalta all'occhio una certa predisposizione e piacere nella violenza eseguita) e improvvisando banchetti e feste piene di storie. E' possibile notare durante la lettura come vi siano vari punti degni di attenzione e che rimarcano notevolmente questa immaturità intrinseca di Peter. Tra tutti, per fare un esempio, ho trovato emblematica l'ostinazione con cui Peter porta Wendy nell'Isola chiedendole di fare da "mamma" a tutti loro addossandole in un certo senso tutte le responsabilità e le preoccupazioni di cui lui invece si spoglia. Irresponsabilità, ansia di abbandono, solitudine, narcisismo sono le caratteristiche del personaggio e dei suoi seguaci. Peter Pan non riesce a distinguere tra finzione e realtà. Per lui sono la stessa cosa. Una visione quindi diversa della classica storia, una lettura non adatta a bambini per cui il loro Peter è un eroe, un folletto dal cappello verde che riesce a volare con polvere fatata. Una lettura impertinente, decisa, a tratti di un'ironia distorta. Siate come Peter. Ma non come questo. 

VOTO




Lo avete letto? Che ne pensate?


Summer Book Project

Buongiorno carissimi lettori! L'estate ormai è nel suo pieno anche se in realtà gli esami universitari non ci permettono di accorgercene! Ad ogni modo, presto sarà tutto finito (speriamo) e il mare e la spensieratezza busseranno alla nostra porta. Purtroppo, come molti di voi sanno, quest'anno non ho avuto tempo per leggere molto... ma questa estate voglio rifarmi u.u Proprio per questo vi presento 5 titoli che cercherò di leggere durante le vacanze ^^

Al faro (Virginia Woolf)

In una sera del settembre del 1914, la famiglia Ramsay, in vacanza in una delle isole Ebridi, decide di fare l'indomani una gita al faro con alcuni amici. Per James, il figlio più piccolo, quel luogo è una meta di sogno, piena di significati e di misteri. La gita viene però rimandata per il maltempo. Passano dieci anni, la casa va in rovina, molti membri della famiglia sono morti. I Ramsey sopravvissuti riescono a fare la gita al faro, mentre una delle antiche ospiti finisce un quadro iniziato dieci anni prima. Passato e presente si intrecciano, il tempo assume un diverso significato.



La morte a Venezia (Thomas Mann)

Una Venezia estiva ammorbata da una peste incombente ospita l'inquieto Gustav Aschenbach, famoso scrittore tedesco che ha costruito vita e opera sulla più ostinata fedeltà ai canoni classici dell'etica e dell'estetica. Un sottile impulso lo scuote nel momento in cui compare sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza di Tadzio, un ragazzo polacco. Un unico gioco di sguardi, la vergogna della propria decrepitezza, la scelta di imbellettarsi per nasconderla, sono i passi che scandiscono la vicenda. In pieno Novecento, Thomas Mann ha colto e rappresentato la grande cultura borghese in via di dissoluzione, in un'opera emblematica che fonde la perfezione formale con la rappresentazione degli aspetti patologici di quella crisi.



La casa per bambini speciali di Miss Peregrine (Riggs)

Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d'altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l'oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all'orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d'epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che - protetti, ma ancora per poco, dalla curiosità del mondo e dallo scorrere del tempo - si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro?


Percy Jackson: Il mare dei mostri (Riordan)

La vita di un semidio a New York non è sempre facile, e quella di Percy Jackson è diventata una vera impresa da quando ha scoperto di essere figlio di Poseidone e deve trascorrere tutte le estati al Campo Mezzosangue, insieme ai suoi simili. Ma ora il campo è in grave pericolo: l'albero magico che lo protegge è stato avvelenato e non riesce più a difenderlo dalle invasioni dei mostri. Solo il Vello d'Oro può salvarlo! Ma è custodito su un'isola da Polifemo, nelle acque tumultuose del Mare dei Mostri. La missione è affidata alla figlia di Ares, ma Percy non può certo restarsene con le mani in mano... anche perché il suo satiro custode Grover è nelle grinfie di Polifemo! Accompagnato dalla fedele Annabeth e dal nuovo amico ciclope Tyson, Percy dovrà intraprendere un viaggio per mare e affrontare le mille insidie che nasconde, dalla maga Circe al canto delle sirene. E come se non bastasse, la profezia dell'Oracolo si complicherà... Chi sarà, tra i figli dei tre Grandi, a tradire gli dei dell'Olimpo?

Odissea (lettura in corso già da un po', a più riprese)

Dalla fuga dall'isola incantata di Calipso fino al commovente arrivo a Itaca e alla sanguinosa strage dei Proci, la vicenda narrata nell'Odissea si snoda in quarantuno giorni. E questo lungo viaggio, certo il più famoso della nostra letteratura, è divenuto per noi l'archetipo universale del viaggio di scoperta e di ritorno alle origini. Ulisse, l'eroe solitario "ricco d'astuzie", affronta avventure incredibili, posti fantastici, mostri orribili, maghe incantatrici ed esseri sovrumani; dal gigante Polifemo alla tenebrosa discesa agli Inferi o all'inquietante accoglienza della maga Circe, ogni tappa del suo lungo vagare è diventata per tutti noi un simbolo indimenticabile.





Che ne pensate? Li avete letti?
E quali saranno i vostri libri dell'estate?

domenica 26 giugno 2016

Recensione: Homeronetark di Francesco Giuffrida

Buongiorno carissimi lettori ^^ Iniziamo la nostra afosa domenica di fine giugno con una nuova recensione! Il libro mi è stato mandato gentilmente dall'autore e ammetto che, per una serie di impegni vari, sono andato a rilento purtroppo, non sapete quante volte avrei voluto continuare la lettura >.< Appena avrò inoltre più tempo libero mi divertirò a sbirciare il sito dedicato al libro con un sacco di illustrazioni e curiosità. Intanto buona lettura :P


HOMERON ETARK
Auto-pubblicato | 378 pp. | €9,98

E' il tempo di Ilio e degli Dèi. Gli etark, popolo dell’Oltreoceano, coloro che abitano oltre le Colonne d’Ercole, vedono la propria terra sconvolta da un avvenimento che li condurrà alla distruzione, se non saranno in grado di riscattarsi sotto gli intrecci del Fato. Affideranno le ultime speranze alla giovane Catlyn e suo fratello Hero: saranno loro ad intraprendere un epico viaggio che li porterà ben oltre compiti e doveri. Amicizie, scontri e amori piomberanno su di loro in un mondo crudo e terribilmente diverso da casa. Incontreranno un eroe elleno senza passato, alla ricerca di imprese e gloria. Si imbatteranno in un nemico temibile, e le loro azioni daranno il via ad una serie di eventi che echeggerà nel futuro di tutto il popolo d’Oltreoceano.



L'ombra di una profezia che si abbatte su un popolo. Mani insanguinate sguainano le loro spade, le battaglie si susseguono sotto il rumore fragoroso dell'acciaio e della violenza, un intero popolo si rivolge agli dei sussurrando parole al tempio, un fato già scritto da fili intrecciati tra divinità e volontà umana. Un nuovo mondo epico, nuovi eroi, nuovi antagonisti. Una nuova opera che ha il sapore dell'antico. Nuovi sotterfugi, ordini divini lanciati dalla mano saettatrice, vite destinate a sfiorarsi e confondersi, uomini e donne pronti a battersi sul campo di battaglia. Descriverei così brevemente il romanzo di Francesco Giuffrida, il primo di una trilogia che è destinata a rimanere impressa nel cuore dei lettori. Mi sono avvicinato con entusiasmo e curiosità a questo romanzo essendo appassionato, quasi in maniera maniacale, del mondo omerico e greco, di quella mitologia che non annoia mai ma che sempre stimola e affascina con le sue storie, i suoi personaggi, le sue creature leggendarie. E questo romanzo non è stato da meno rispetto alle mie aspettative, anzi le ha forse superate avendo inizialmente qualche dubbio critico che mi tratteneva dal lasciarmi andare. Ma il fiume in piena, quelle parole, secondo alcuni troppo "barocche" o "auliche" ma in realtà ben studiate per entrare nell'essenza dell'epica, quei personaggi, quel mondo che è stato creato, mi hanno trascinato. Divorato. Soggiogato. Sono diventato un umile servo di quelle storie. L'unica cosa che si può dire all'autore è un grazie sincero e sentito. Per una storia ricca, accesa, dalle mille sfaccettature. Per la costruzione attenta e dettagliata dei personaggi, uno scandagliare sempre più in profondità. Per le vicende che si susseguono con suspense e magia. Per l'amore con cui il mondo di Homeron Etark è stato creato e ampliato sulla piattaforma virtuale. 
Attenti cari lettori, avete di fronte una storia che vale la pena di esser letta ma solo se vi ponete nei suoi confronti in maniera attenta e paziente. Sono infatti molti i personaggi che vengono presentati sin dall'inizio, ognuno con il suo filone narrativo personale (teso comunque alla costituzione della storia principale), ognuno in un determinato luogo, ognuno destinato a compiere determinate azioni. Se all'inizio sembra esserci una grande confusione, i vari elementi prendono pian piano posto, come tasselli, creando pian piano un mosaico senza che nulla sia lasciato al caso. I personaggi, che assumono connotati reali (sembra di conoscerli da una vita), si troveranno ad affrontare varie difficoltà e avventure, maturando nel corso del tempo e mostrando sempre un nuovo frammento di sé. Ho apprezzato la grande varietà dei personaggi e l'espediente narrativo di passare da una scena all'altra trascinando il lettore lungo le pagine in un'atmosfera di suspense e mistero, ma soprattutto di curiosità riguardo ciò che sta accadendo ai personaggi che abbiamo lasciato a distanza di qualche pagina. Non vorresti mai tornare indietro, ma sempre avanti, come se ci attraesse una calamita. 

Un libro da divorare. 
Sopratutto per chi ama la mitologia greca (arricchita e vista sotto un altro punto di vista), per chi ama in parte l'elemento fantasy, per chi non si accontenta di qualche personaggio ma vuole esplorare un vero e proprio popolo, per chi ha bisogno di una storia scritta bene, sopratutto considerato che parliamo di un autore emergente. E il finale, beh, vi lascerà senza parole, certi che qualcosa di molto grosso e intrigante bolle in pentola. 



VOTO



Voi lo avete letto?
Che ne pensate?

sabato 25 giugno 2016

Il mio tipo ideale di... libreria!

Buon pomeriggio carissimi lettori ^^ Oggi abbiamo deciso di dedicare un piccolo spazio alle librerie, la casa dei nostri personaggi, il forziere dei nostri tesori ** Esistono tante varie tipologie di librerie, differenti per materiali e organizzazione.. insomma ce ne sono per tutti i gusti!
A quale tipo corrisponde la vostra? Quale vorreste? Fateci sapere le vostre idee ^^



Libreria classica in legno
Economica, spaziosa, semplice e elegante. Facile da montare (o quasi) e pronta ad accogliere tutti i volumi che avete a disposizione. La maggior parte di noi ha sicuramente questa tipologia di libreria. Secondo voi per quale motivo?








Libreria a blocchi
Hai a disposizione un'intera parete e vuoi adornarla nel miglior modo possibile? Bene, ecco questa libreria spezzettata in più blocchetti. Devo dire che queste hanno un certo fascino secondo me! E si prestano a una maggiore libertà di sistemazione, potendole montare dappertutto!



Libreria di metallo
Meno elegante (in realtà oramai i designer sanno il fatto proprio) ma funzionale comunque, rimane uno dei grandi classici più comprati. Nonostante questo, al sottoscritto non piace particolarmente, la vedo più adatta a un ufficio dove posare scartoffie e niente di importante... o almeno non quanto i nostri libri!






Libreria in cartongesso
Con un po' di volontà e fai da te, chi non si costruirebbe una libreria così? Ho visto che su internet girano un paio di istruzioni su come fare... quasi quasi :P








Libreria improvvisata
Quando i libri sono troppi, o non c'è tempo di sistemare i nuovi acquisti, è bello vedere in giro tanti libri (il luogo più quotato è il comodino!) Quali sono invece i vostri luoghi in cui sistemate temporaneamente i libri?







Librerie fuori dal comune
E poi c'è chi ha delle librerie davvero originali e a cui non avreste mai pensato. Quale vorreste avere? Ve ne propongo qualcuna:

  


Che tipo è la vostra libreria?
Quale vorreste avere invece?

venerdì 24 giugno 2016

È qui che volevo stare, un libro di Monica Brizzi

Una piccola premessa: avete presente quei post che scrivete, salvate e ve ne dimenticate? Bene, è quello che mi è successo con questo post -_-" quanto sono sbadata e incasinata? Direi che le mie scuse per Monica Brizzi, che mi ha chiesto questa segnalazione ben 2 mesi fa, non bastino >_< perdonami!!

Monica Brizzi è un'autrice che ho già ospitato nel blog per i suoi libri Il mio supereroe e Innamorarsi ai tempi della crisi. A Marzo ha pubblicato il suo nuovo libro, un romanzo rosa molto interessante e per questo ho deciso di parlarvene.

È QUI CHE VOLEVO STARE
150 pp. | €1,99 (eBook)

Una promessa fatta dieci anni prima. Tornare in Grecia, ancora una volta, tutti insieme. È questa l’idea che spinge un gruppo di trentenni a ripetere la gita dell’ultimo anno di scuola.
Peccato che Sofia, una ventinovenne così rossa e piena di lentiggini da essersi meritata il soprannome di Gnomo, non sia pronta a ritrovare tutti, soprattutto Michele, l’ex da cui cerca di scappare. Ma anche Giusti e Paolucci, l’imbucato Martinelli, le ragazze della E, il professore di storia dell’arte, la bidella, Tommaso, l’amico di sempre, il ragazzo di Ragioneria che conosce sin dai tempi delle medie. Tra strane scoperte, nuovi amori, tradimenti, serate in discoteca, pianti e risate a non finire, immersa nella Grecia delle grandi divinità, Sofia riuscirà una volta per tutte a sconfiggere la sua chimera?

Link per l'acquisto:


Che ne pensate?
Avete mai letto qualcosa dell'autrice?

Tutta la verità su Gloria Ellis, aiutiamo l'ispettore Ryan a trovare Gloria Ellis!

Buongiorno lettori ^^ vi avevo già parlato di questo libro sul blog, insieme ad altri titoli della CE.
Ma ho voluto nuovamente parlarvene in occasione di un gioco davvero carino e geniale ideato dalla De Agostini *-* io ho già partecipato, voi cosa aspettate?

Dobbiamo aiutare l'ispettore Ryan a trovare Gloria Ellis. Siete pronti agenti speciali?
Tutto quello che dovrete fare è seguire le seguenti istruzioni.


Avete tempo fino al 30 Giugno, quindi affrettatevi!



TUTTA LA VERITÀ SU GLORIA ELLIS
DeAgostini | 384 pp. | €14,90
Gloria Ellis ha quindici anni e odia la sua vita. Odia la stupida cittadina di provincia in cui è cresciuta, la stupida scuola che frequenta e gli stupidi amici che vede tutti i giorni. È per questo che quando nella sua classe arriva un ragazzo nuovo, un ragazzo deciso a infrangere ogni regola, Gloria se ne innamora immediatamente. In apparenza Uman è tutto ciò che lei ha sempre sognato: è brillante, sicuro di sé, imprevedibile. Ed è pronto a trascinarla in un’avventura che non conosce limiti, se non quelli del proprio coraggio. Gloria accetta la sfida e parte – senza lasciare un biglietto, senza salutare nessuno – per una folle e romantica fuga attraverso l’Inghilterra. All’inizio tutto è come lei se l’era immaginato: un’esperienza liberatoria, esaltante. Presto, però, Uman si rivela diverso da quel che sembrava. E quando Gloria se ne accorge, quando scopre la verità su di lui, si ritrova ormai molto lontana da casa. Forse troppo lontana. Dalla penna di uno scrittore pluripremiato, una suspense psicologica che mozza il fiato. Una storia indimenticabile, costruita come un interrogatorio della polizia, in un rapido susseguirsi di domande e risposte, confessioni e colpi di scena. Fino all’ultima, strepitosa riga.

Che ne pensate di questo libro?


giovedì 23 giugno 2016

La guerra degli elementi, la saga è conclusa!

Cari lettori, in questi giorni sarò super impegnata perché Martedì mi aspetta un esame molto difficile. Ma spero di riuscire comunque a trovare il tempo per lasciarvi almeno qualcosa.
Oggi voglio presentarvi la saga La guerra degli elementi, dell'autrice italiana Veronika Santiago. Ho letto il primo libro lo scorso anno e mi era piaciuto molto, quindi sono felice di sapere che Veronika è riuscita a portare a termine la pubblicazione di tutti e quattro i libri *-* presto potrò continuare anche a leggere la saga e questo mi rende ancora più euforica! Grazie Veronika <3
Ma andiamo a vedere insieme tutti i libri che compongono la saga.



#1
GLI EREDI DI ATLAS
354 pp. | €16,90 (cartaceo) | €1,99 (eBook)
La mia recensione: qui
Scozia. Promesse di successo, di lavoro e di risposte, aiuto per una fuga: così uno sconosciuto convince un'aspirante cantante, un marinaio, una studentessa e un rampollo ricoverato in una clinica psichiatrica, a seguirlo su un'isola che è ovunque e in nessun luogo: OgniDove. 
Là Aisha, Dean, Aurora e Duncan scopriranno il vero motivo per il quale sono stati condotti con l'inganno ai margini del mondo: la storia è incompleta. I dieci Reggenti dell'antica Atlas, all'apice della grandezza, si sono dati battaglia fino all'annientamento ma il loro potere sugli elementi non è andato perduto. Non sarà facile accettare di essere Eredi di un così gravoso fardello: tra dubbi e insicurezze, aiutati dagli abitanti di OgniDove, discendenti dei superstiti di Atlas, i ragazzi cominceranno l'addestramento per risvegliare le loro facoltà. Ma gli elementi sono cinque: dove si trova l'Erede dell'Etere? E quali sono i piani degli Altri Eredi? Inizierà così una lotta contro il tempo alla ricerca dell'Etere.

--------------------------------------

#2
IL VARCO DELL'APOCALISSE
384 pp. | €17,90 (cartaceo) | €1,99 (eBook)


Non è stato facile per Duncan, Aisha, Dean e Aurora accettare di essere gli Eredi dei Reggenti di Atlas e contenere il potere elementale che ne deriva. Con l'aiuto degli abitanti di OgniDove sono riusciti a salvare il quinto elemento ma gli Altri Eredi non sono stati sconfitti e rappresentano ancora una minaccia. Una visione di Aisha mostrerà l'avvento di un’imminente catastrofe e ad OgniDove riprenderà l'addestramento. Antichi rancori, fomentati da vicende perse nel remoto passato, si insinueranno subdoli e prepotenti nel presente degli Eredi costringendo tre di loro ad abbandonare il proprio cammino per tornare alla vecchia vita oltre la Nebbia che protegge OgniDove. Verranno così sconvolti piani e alleanze e gli Altri Eredi ne approfitteranno per portare a termine il loro ambizioso piano: scatenare l'Apocalisse. Comincerà così, tra enigmi e visioni, la ricerca del varco che porterà sul pianeta le Quattro Forze Esiliate. Proprio quando la storia sembra destinata a ripetersi con inquietante precisione, gli Eredi si batteranno tra loro per impedire la fine del mondo.



--------------------------------------

#3
LA TEMPESTA DEL TEMPO
364 pp. | €17,90 (cartaceo) | €1,99 (eBook)

Alle soglie della Tempesta del Tempo si troveranno e la trama della storia sgretolar faranno...La Scozia non esiste più. Un ragazzino con gli occhi neri come la perdizione è salito al potere, nominando PrimoDuca il suo braccio destro: Trevor O’Connor. Nel giorno di Beltain a StoneWall si celebra l’anniversario della venuta dell’Eletto e della nascita della SacraScozia: sarà l’occasione per il Rampollo di essere ammesso nella cerchia dorata del potere. Esiste un ultimo baluardo contro il regime appena instaurato, dove i SikTavinder seminano terrore e morte nel nome dell’Eletto, celando al mondo un terribile segreto. La Resistenza guidata dai fratelli Barton progetterà un attentato per neutralizzare i vertici del nuovo potere costituito e riportare la libertà nel paese. Il fallimento dell’attacco porterà a improbabili alleanze e sconcertanti scoperte: quella realtà è sbagliata. Clandestini in patria, costretti a scegliere tra ciò che è giusto e ciò che è facile, Duncan, Aisha, Dean e Aurora capiranno che l’unica via di fuga dall’incubo è far collassare quella seconda linea temporale corrotta.


--------------------------------------


#4
I MANOSCRITTI DEL DESTINO
390 pp. | €17,90 (cartaceo) | €1,99 (eBook)


Per gli Eredi di Atlas un’intera vita è trascorsa in una sola notte: la seconda linea temporale corrotta creata dall’Eletto è stata annullata ma non tutti sono riusciti a tornare indenni dalla SacraScozia e la minaccia rappresentata da Desmond e la Guida grava ancora su OgniDove e su tutto il pianeta.
Mentre Dominique e gli abitanti dell’isola cercano di trovare alleati in vista dello scontro imminente, gli Eredi seguiranno le orme dell’ultimo Custode di Atlas alla ricerca dell’unica arma in grado di battere il nemico: i Manoscritti del Destino. Gli antichi volumi tuttavia si riveleranno saturi di potere ma anche colmi di insidie e inganni.
Il piano della Guida, ordito per anni nell’ombra, si paleserà nella sua crudele perfezione costringendo gli Eredi ad abbandonare OgniDove per avere salva la vita e riacquisire il perduto dominio sugli elementi. Ma arrendersi non è un’opzione e gli Eredi scenderanno in campo nell’ultima decisiva battaglia quando la creatura fatta d’oscurità solcherà i cieli e i segreti del passato porteranno il mondo a un passo dall’avverarsi della Profezia.


--------------------------------------

Link per l'acquisto:

Link utili:



Che ne pensate di questa saga?
Qualcuno ha letto già i libri?




mercoledì 22 giugno 2016

WWW Wednesday #4

Buongiorno carissimi lettori, mi sono appena svegliata e sono super di fretta xD ieri sera sono stata ad una festa e quindi sono stanchissima, ma devo studiare e quindi non posso perdere tempo!
Ho voluto comunque lasciarvi la nuova puntata di WWW Wednesday di oggi. Scoprite le mie lettura :D



What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)


Sto leggendo in questi giorni, molto lentamente per colpa di studio ed esami, Ms Kalashnikov di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli. Sono a circa metà e devo dire che, nonostante non sia un genere che leggo spesso, mi sta piacendo. Ringrazio ancora la CE chiarelettere per avermi donato una copia digitale del libro ^^




What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)

 

Questa settimana ho concluso la lettura de Le cesoie di Busan, di cui spero di pubblicare la recensione presto. E ho divorato Spalle al muro di Alan Brenham, pensavo di metterci molto più tempo, invece in due sere l'avevo già finito.


What do you think you'll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?)


Non so con precisione cosa leggerò nei prossimi giorni, perché mi devono arrivare altri libri. Ma sicuramente se riesco vorrei leggere Shatter me, che finalmente è arrivato *______* 



Quali sono le letture della vostra settimana?
Fatemi sapere, sono curiosa u.u





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...