lunedì 31 agosto 2015

Anteprima: Firebird - La caccia

Carissimi lettori buon inizio di settimana. Oggi ultimo giorno di Agosto, vi parlo di una prossima uscita che ha già incantato diversi lettori. Finalmente arriva in Italia Firebird - La caccia di Claudia Gray, con una cover bellissima e simile all'originale *-* ringraziamo infinitamente la Harlequin Mondadori! Quindi non vi rimane che segnare la data nel calendario: 8 Settembre!
Dell'autrice ho letto tutta la serie Evernight e mi era piaciuta tantissimo, la rileggerei volentieri se avessi il tempo.

FIREBIRD
La caccia

Harlequin Mondadori | €16,00
Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all'avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.
Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un'altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l'aiuta nell'impresa, riesce a ingaggiare una caccia all'uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino... Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.


MATEMATICA O DESTINO:
QUALUNQUE SIA LA FORZA CHE CONTINUA A METTERCI INSIEME,
MONDO DOPO MONDO, È QUALCOSA DI POTENTE, E INNEGABILE.
PERÒ ANCORA NON SO SE QUESTA FORZA MI PORTERÀ
ALLA SALVEZZA O ALLA ROVINA.

AUTRICE
Claudia Gray, autrice nella classifica del New York Times, ha raggiunto il successo grazie alla serie Evernight. Prima di dedicarsi alla scrittura a tempo pieno, è stata una DJ, un avvocato, una giornalista e una cameriera di scarso successo. Vive a New Orleans e nel tempo libero ama dialogare con i suoi fan tramite i social network, la potete trovare su www.cladiagray.com.


Cover originale *-*



Che ne pensate di questo libro?
Non siete curiosi? Io troppo!!



domenica 30 agosto 2015

Ho paura della morte, ma vivere è stato un privilegio: Oliver Sacks

Oggi 30 Agosto, abbiamo appreso con tristezza la notizia della morte dello scrittore e neurologo Oliver Sacks che all'età di 82 anni perde la battaglia contro il cancro. Lui stesso a Febbraio aveva annunciato la sua malattia e, purtroppo, è arrivato il tragico epilogo. 
Per ricordarlo, vogliamo parlarvi delle sue opere, per chi non lo conoscesse. 



Neurologo e scrittore, docente di medicina e amante della cultura, Oliver Sacks (tra i tanti meriti) ha sicuramente quello di aver portato all'interno di diversi romanzi, in maniera anche tecnicistica ma sempre romanzata, il mondo della medicina (tanto da essere stato definito "il poeta laureato della medicina contemporanea") e in particolare il suo tratteggiando personalità affette da disturbi neurologici chiarendo la maniera in cui il cervello si rapporta con la percezione, la memoria e l’individualità. La mente umana descritta nel suo fascino e nella sua intricata trama ancora sconosciuta e misteriosa.

RISVEGLI

Tra il 1917 e il 1927, una grave epidemia di encefalite letargica (malattia del sonno) invase il mondo. Quasi cinque milioni di persone furono colpite dal male. Poi l’epidemia scomparve, improvvisamente e misteriosamente come era sopraggiunta. Una minuscola frazione dei malati sopravvisse, in una sorta di perpetuo torpore, fino al 1969, quando un nuovo farmaco, la L-dopa, permise di risvegliarli. Oliver Sacks, fra il 1969 e il 1972, somministrò questo farmaco a più di duecento malati al Mount Carmel Hospital di New York. Risvegli racconta le storie di venti di loro. Ciascuna delle persone di cui Sacks qui racconta è un mondo a parte, ma tutte sono unite da una caratteristica: quella di aver passato la maggior parte della loro vita in una zona inesplorata e muta, vicino «al cuore oscuro dell’essere», e di essere stati sbalzati dalla «notte encefalitica» verso le «tribolazioni» e le meraviglie del risveglio.


L'UOMO CHE SCAMBIÒ SUA MOGLIE PER UN CAPPELLO

L'autore racconta alcune sue esperienze cliniche di neurologo e descrive alcuni casi di pazienti con lesioni encefaliche di vario tipo, che hanno prodotto i comportamenti più dolorosi e imprevedibili. In ogni capitolo Sacks descrive alcuni casi clinici particolari che gli è capitato di incontrare nella sua esperienza come neurologo di una casa di cura statunitense. La componente umana di ogni sua storia, la realtà del paziente, viene descritta con toni a volte umoristici, a volte molto pietosi e dolorosi, mentre l'analisi clinica sulle cause che hanno provocato questo particolare tipo di comportamento è sempre precisa e rigorosamente scientifica, pur producendo talvolta anche riflessioni filosofiche (e, raramente, anche religiose) sulla natura più profonda della malattia in sé.


L'OCCHIO DELLA MENTE

Lilian Kallir è una brillante pianista che predilige Mozart: una sera, allorché deve affrontare il Concerto n. 21 (quello col famoso Andante), la partitura diventa di colpo un intrico di segni incomprensibili; è l’esordio di una neuropatologia che le impedirà, se non di scrivere, quanto meno di leggere e altererà la sua percezione sino a farle confondere un violino con un banjo o un rasoio con una penna. Sue Barry è riuscita a diventare neurobiologa nonostante una menomazione invalidante: una forma di strabismo che inibisce la visione stereoscopica, sicché gli occhi sono attivi uno per volta, in alternanza, senza mai potersi coordinare; per lei, la profondità e la terza dimensione sono categorie puramente immaginarie.


VEDERE VOCI

In questo libro Oliver Sacks abbandona il terreno dei disturbi neurologici per indagare un altro mondo, che generalmente viene ignorato: il mondo dei sordi. Qui, come in altri casi di menomazione, Sacks riesce a scoprire che il meno può anche nascondere un più: per esempio, una capacità acutissima di sviluppare l’esperienza visiva – base, questa, su cui si è formato un affascinante linguaggio visivo, i «Segni», che permette ai sordi di costituire comunità. Ancora una volta, è l’enorme dono di empatia, in Sacks, a guidare l’indagine, che toccherà alcuni problemi fondamentali del rapporto fra parola, immagine e cervello, ma anche renderà conto di esperienze dirette dell’autore, sino alla sua partecipazione alla rivolta nell’unica università per sordi al mondo, la Gallaudet University, nel marzo 1988. 


ALLUCINAZIONI

Charles Bonnet, naturalista ginevrino del Settecento, si era occupato di tutto: dall’entomologia alla riproduzione dei polpi, dalla botanica alla filosofia. Quando seppe che suo nonno, ormai semicieco, iniziava ad a­vere «visioni» di strani oggetti flottanti e di ospiti immaginari, volle stenderne un minuzioso resoconto, che passò inosservato per oltre un secolo e mezzo. Oggi la sindrome descritta da Charles Bonnet, che collegava l’insorgere di stati allucinatori con la regressione della vista – come se il cervello intervenisse, a modo suo, per compensare il senso perduto –, è ormai riconosciuta dalla letteratura medica, anche se viene raramente diagnosticata perché le allucinazioni sono associate alla demenza, alla psicosi, e chi ne soffre tende spesso a tacerne. Ma non è sempre stato così: in altri tempi e in altre culture, gli stati alterati di coscienza venivano percepiti come condizione privilegiata – da ricercare e indurre con la meditazione, l’ascesi, le droghe – e hanno influenzato l’arte, il folclore, il senso del divino. Con questa «storia naturale delle allucinazioni» Sacks aggiunge un ulteriore tassello alla sua «scienza romantica», capace di tramutare la casistica medica in una forma d’arte empatica.



Avete letto alcuni di questi libri o altri? 
Che ne pensate?

domenica 23 agosto 2015

Jennifer Lawrence: l'attrice dei libri

Ho deciso di scrivere questo "articolo", se così possiamo chiamarlo, perché ho notato che Jennifer Lawrence è conosciuta soprattutto per i suoi ruoli in film tratti proprio da libri. E quindi ho pensato possa essere interessante, visto che in molti non lo sanno.

Io ho visto Jennifer Lawrence per la prima volta in Hunger Games nel ruolo della giovane e forte Katniss, ma sicuramente qualcuno di più attento l'avrà notata anche in film precedenti!
Io e la mia migliore amica, ci divertiamo a guardare le sue foto, perché se ci fate caso, in ogni foto sembra una persona diversa o.o


L'abbiamo vista in diversi panni e in diversi generi, ma scopriamo insieme quali sono questi famosi film tratti da libri, in cui lei è presente.
Badate bene, la sua carriera è molto più lunga, ma io mi limiterò ai film tratti dai libri!


Il primo film di cui vi parlo, è tratto dall'omonimo romanzo di Daniel Woodrell, edito in Italia dalla Fanucci:

IL GELIDO INVERNO
Film diretto da Debra Granik, uscito nel 2010.

Il film ha vinto il Gran premio della giuria: U.S. Dramatic al Sundance Film Festival 2010, 4 Premi al Torino Film Festival 2010, ha ottenuto 7 candidature agli Independent Spirit Awards 2011 e 4 candidature agli Oscar 2011, nelle categorie; miglior film, miglior attrice (Jennifer Lawrence), miglior attore non protagonista (John Hawkes) e miglior sceneggiatura non originale. 
Fonte: Wikipedia 



Ree Dolly è una ragazzina delle campagne del Missouri, esile e pallida, e passa le sue giornate prendendosi cura della madre malata e dei fratelli minori. Suo padre, Jessup,
è uscito di prigione impegnando la fattoria per pagare la cauzione, e poi ha fatto perdere le proprie tracce. La data del processo si avvicina, e se l'uomo non si presenterà in tribunale, la casa verrà confiscata. È così che Ree, spinta dalla forza della disperazione, indossa un vestitino giallo, il vecchio cappotto nero di sua madre e un paio di anfibi, e parte alla ricerca del padre. Per salvare la vita della sua famiglia e la casa in cui abitano, dovrà sopportare il freddo, la fame, affrontare la violenza e la superstizione di una comunità che si mantiene raffinando cocaina.

------------------------------------------

Il secondo film, in ordine cronologico di uscita, è Hunger Games. Che voi tutti conoscerete e magari avrete anche visto. Il libro scritto da Suzanne Collins è edito in Italia da Mondadori.
Vi parlerò solamente del primo film e del primo libro.

HUNGER GAMES
Film diretta da Gary Ross, è uscito nelle sale cinematografiche nel 2012. 





Quando Katniss urla "Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!" sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell'estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell'Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l'audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di aver poche possibilità di farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta. Nella sua squadra c'è anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c'è spazio per l'amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo.

------------------------------------------

Il terzo film è Il lato positivo, omonimo del romanzo di Matthew Quick, edito in Italia da Salani
Tenete d'occhio anche il protagonista maschile di questo film Bradley Cooper, perché lo rivedrete ancora più avanti. 

IL LATO POSITIVO
Il film è stato diretto da David O. Russell, uscito nelle sale nel 2012. 

Il film ha ricevuto otto nomination ai premi Oscar del 2013, aggiudicandosi quello alla Miglior attrice protagonista, vinto da Jennifer Lawrence. Il film ha debuttato al Toronto International Film Festival l'8 settembre 2012, vincendo in quell'occasione il Premio del Pubblico.
Fonte: Wikipedia 




Pat Peoples è convinto che la sua vita sia un film prodotto da Dio. La sua missione: diventare fisicamente tonico ed emotivamente stabile. L'inevitabile happy end: il ricongiungimento con la moglie Nikki. Questo ha elaborato Pat durante il periodo nel 'postaccio', la clinica psichiatrica dove ha trascorso un tempo che non ricorda, ma che deve essere stato piuttosto lungo... Infatti, ora che è tornato a casa, molte cose sembrano cambiate: i suoi vecchi amici sono tutti sposati, gli Eagles di Philadelphia hanno un nuovo stadio ma, soprattutto, nessuno gli parla più di Nikki, e anche le foto del loro matrimonio sono scomparse dal salotto. Dov'è finita Nikki? Come poterla contattare, chiedere scusa per le cose terribili che le ha detto l'ultima volta che l'ha vista? E come riempire quel buco nero tra la litigata con lei e il ricovero nel postaccio? E, in particolare, qual è la verità? Quella che ti fa soffrire fino a diventare pazzo, o quella di un adorabile ex depresso affetto da amnesie ma colmo di coraggiosa positività? Pat guarda il suo mondo con sguardo incantato, cogliendone solo il bello, e anche se tutto è confuso, trabocca di squinternato ottimismo, fino all'imprevedibile finale.

------------------------------------------

Il quarto film è più recente ed è tratto dal romanzo Serena dello scrittore Ron Rash, edito in Italia da Salani, con il titolo omonimo a quello del film. Ed ecco che ancora ritroviamo Bradley Cooper nei panni del protagonista maschile.
I due hanno collaborato anche in altri film, ma poiché non sono tratti da libri, non ve ne parlo.

UNA FOLLE PASSIONE
Diretto da Susanne Bier è uscito nel 2014.



Stati Uniti, 1929: George e Serena Pemberton, appena sposati, viaggiano da Boston alle montagne del North Carolina. Il loro è un sogno più che ambizioso: creare un’impresa destinata a diventare un impero, disboscando le montagne e lavorando il legname. Una nuova vita e una sfida che fin dall’inizio si rivela carica di difficoltà e imprevisti, ma i Pemberton eliminano chiunque possa intralciare la loro avanzata. Anno dopo anno l’impero cresce, mentre i boschi si diradano e la terra sfiorisce. E poco alla volta anche il patto che lega i Pemberton – un patto d’amore, di ambizione, di conquista – comincia a sfaldarsi, spingendo George e Serena verso una sconvolgente resa dei conti.
Una protagonista dalla personalità dominante, un marito disposto a tutto pur di essere alla sua altezza: una coppia implacabile, descritta con stile magistrale, motore di un’azione dal ritmo impeccabile, al centro del film omonimo. Una passione esclusiva, una forza che non conosce limiti. Un romanzo di culto in America, inesorabile come una tempesta. Un classico moderno che sa incantare.



Voi avete visto/letto questi film/libri?
 Io ho solo visto e letto Hunger Games, e direi che Jennifer è perfetta per interpretare Katniss. 

giovedì 20 agosto 2015

Recensione: La casa dei cani fantasma

Cari lettori oggi non avevo nulla di pronto, ma ho appena concluso di scrivere questa recensione e non ho voluto aspettare oltre per farvela leggere.
Ultimamente, come avrete notato, scrivo recensioni più brevi, non so perché ma credo di non dover dire altro in più. Spero che voi apprezziate ugualmente. Fatemi sapere che ne pensate! Magari è solo un periodo, spero. 

Ma andiamo alla recensione di oggi, riguarda il libro La casa dei cani fantasma, di cui vi ho già parlato. Libro scritto da Allan Stratton, edito in Italia dalla Mondadori. E' un thriller psicologico, genere da me amato alla follia. 

IL LIBRO FENOMENO CHE HA INCANTATO IL PUBBLICO DI MARE DI LIBRI 2015
Un thriller psicologico sullo stalking, un’indagine nel passato, 
uno Stephen King per lettori più giovani.

LA CASA DEI CANI FANTASMI


Mondadori | 264 pp. | €17,00
Io e mia madre siamo in fuga da cinque anni. Ogni volta che lui ci trova, noi traslochiamo in un posto nuovo e ricominciamo tutto da capo. Ma questo posto è diverso. Questo posto è pieno di segreti. Che non mi lasceranno in pace.
La vita di Cameron non è quella di un qualsiasi ragazzo. Da cinque anni lui e sua madre sono braccati dal padre, un uomo violento che li tormenta. Ogni volta li trova, e ogni volta ricomincia la fuga, con un nuovo viaggio disperato in cerca di un altro posto dove stare per un po’. La vita di Cameron è fatta di sospetti, ansie, e molta paura. Sua madre non fa che ripetergli di non fidarsi di nessuno, e l’ha convinto a tal punto che Cameron comincia a non fidarsi più neppure di se stesso. Quando poi si trasferiscono in una fattoria isolata, nella speranza di passare inosservati, la vita del ragazzo diventa un vero incubo. Solitudine e paure si materializzano in visioni inquietanti: un branco di cani feroci, il fantasma di Jacky, un bambino morto tanti anni prima, di cui nessuno vuole parlare. Ma Cameron deve sapere. E comincia a fare domande che scuoteranno l’apparente tranquillità di quel posto dimenticato da tutti. Tranne che da suo padre.
«Fino all’ultima pagina non saprai cosa è vero e cosa inventato.»
Melvine Burgess, vincitore della Carnegie Medal

«Trovo che la scrittura mi lasci scoprire cose sulla natura umana spingendo i confini della mia esperienza personale nell’esperienza immaginata. Questo sono io quando parlo di scrittura e alfabetismo; non intendo solo l’alfabetismo in senso letterale (saper leggere e scrivere), ma anche l’alfabetismo emozionale (l’abilità di avere empatia).»
Allan Stratton, da un’intervista rilasciata ai ragazzi di Mare di Libri 2015



Come suggeriscono cover e trama La casa dei cani fantasma è un libro dalle tinte forti e oscure, pieno di misteri da svelare. L'intera storia è raccontata da un punto di vista insolito, quello di Cameron, un bambino curioso e molto arguto, che dopo aver traslocato l'ennesima volta insieme alla madre, si ritrova a dover vivere in una casa che nasconde segreti e delitti irrisolti. Una casa che al solo guardarla mette già i brividi.
Cameron sarà accompagnato tra le pagine da personaggi ben delineati e reali, ma soprattutto sentiremo la presenza di un altro bambino, morto anni prima. Il lettore fino all'ultimo non saprà se
credere alle visioni del protagonista o meno. Con un susseguirsi di colpi di scena, sarà difficile comprendere quale sia la verità. Ogni volta che si pensa di essere arrivati ad un punto di svolta, ecco che qualcosa va storto e bisogna ricominciare.
Nella storia si intrecciano le vite dei due bambini, così simili seppur di epoche diverse. Una madre vittima, che cerca di fuggire da un marito senza cuore e senza nessuna pietà (tema purtroppo fin troppo attuale), e un figlio che deve far fronte alla divisione dei due genitori, senza realmente comprendere cosa sia giusto e cosa sbagliato.
Importante quindi ai fini della storia è anche la psicologia dei singoli personaggi. Le quali azioni sono dettati da motivi ben reali e sensati.

Lo stile dell'autore, così come il lessico, è semplice. Ciò permette una lettura veloce e scorrevole, per apprezzare maggiormente la storia. Il lettore continuamente è incuriosito dalla vicenda e sarà trasportato pagina dopo pagina, senza accorgersene.
Le descrizioni sono ben argomentate e ricche di piccoli dettagli che rendono la storia più concreta per la mente di chi legge.
Il libro nel complesso mi è piaciuto e pure molto, è riuscito a tenermi incollata alle pagine fino alla fine.
Nonostante nel libro vi siano momenti pieni di suspense, vi assicuro che la storia è abbastanza “tranquilla”, rispetto ad altri libri che ho letto. Non vi sono delle scene troppo forti e ansiolitiche. D'altronde si rivolge ad un pubblico di più giovani. Quindi consiglio il libro, oltre agli amanti del genere, anche a chi teme queste letture, perché non è tanto spaventoso come si potrebbe pensare.


VOTO:




L'AUTORE:
ALLAN STRATTON è uno scrittore e sceneggiatore canadese. I suoi romanzi sono pubblicati in tutto il mondo e hanno ricevuto i premi più prestigiosi.
La casa dei cani fantasma è in corso di pubblicazione in Canada, Gran Bretagna, Australia, Olanda, Stati Uniti, Germania, Francia e Israele.


Questo è il book trailer originale, quindi è in inglese:



Voi avete letto questo libro?
Fatemi sapere che ne pensate!

mercoledì 19 agosto 2015

Recensione: La ragazza del treno

Buongiorno carissimi lettori, come state? Io non tanto bene, ho un po' di nostalgia perché domani sarà il compleanno del mio fidanzato e purtroppo non sarò con lui, anzi dovrò aspettare ancora un mese prima di rivederlo T.T

Ma a parte la mia disperazione oggi vi faccio leggere una recensione che avevo pronta già da un po', ma essendo corta non volevo pubblicarla nella speranza di scrivere qualcosa in più. Invece non ci sono proprio riuscita, perché non ho trovato molto altro da dire :\

LA RAGAZZA DEL TRENO


Piemme | 378 pp. | €19,50 (cartaceo)
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua.
Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos’ha visto davvero Rachel?
Nelle mani sapienti di Paula Hawkins, il lettore viene travolto da una serie di bugie, verità, colpi di scena e ribaltamenti della trama che rendono questo romanzo un thriller da leggere compulsivamente, con un finale ineguagliabile. Decisamente il debutto dell’anno, ai vertici di tutte le classifiche.


Ho letto La ragazza del treno in pochi giorni, speranzosa di trovare una storia originale e ricca di misteri da svelare. Ma purtroppo sono stata delusa, non tanto, ma sicuramente non è ciò che mi aspettavo.
La storia che procede lentamente, anche fin troppo per i miei gusti, sembra un groviglio di idee, inserite alla rinfusa e che solo con tanta calma e pazienza, il lettore può riuscire a sbrogliare.
Conosceremo tre voci diverse, tre voci di donna, anche se la principale protagonista è Rachel, che giorno dopo giorno si da appuntamento sul treno per scorgere dal finestrino momenti di vita quotidiana. Spiando soprattutto un uomo e una donna, che vivono a pochi metri dalla sua vecchia casa, due signori ai quali da dei nomi e ai quali la sua mente costruisce una storia che si allontana da quella che è la realtà.
Fin dall'inizio quindi il lettore è curioso, così come la protagonista, di scoprire di più sui due giovani amanti. Ma bisognerà aspettare un po' prima di averne una descrizione più dettagliata e precisa.
Così viaggeremo insieme a Rachel, impareremo a capirla e a conoscere ogni aspetto di lei. Conosceremo anche il suo passato, quello in cui era innamorata e che alla fine sarà importante per i fini della storia.

Rachel è un personaggio complicato, sarà difficile per chi legge comprendere se essa faccia parte dei buoni o dei cattivi. D'altronde anche lei inizia a dubitare di se stessa e della sua innocenza.
Un aspetto positivo del libro è il fatto che il lettore fino all'ultimo non riesce a capire bene cosa sia successo, ciò tiene alta l'attenzione e la curiosità durante la lettura. Come dicevo precedentemente però tutta l'idea della storia è, secondo me, poco ben sviluppata e quindi se da una parte il lettore è curioso, dall'altra quasi si annoia e perde le speranze di capirci qualcosa.
Almeno queste sono state le mie sensazioni mentre lo leggevo.
Insomma non posso dire che La ragazza del treno non mi sia piaciuto, perché l'idea di base è abbastanza originale e interessante, ma diciamo che non mi ha fatto impazzire come avrei sperato. 

VOTO:


Voi lo avete letto?
Che ne pensate?


lunedì 17 agosto 2015

Segnaliamo #11: La farfalla con le ali di cristallo - Tra sogno e realtà, il rifugio dell'anima - Scorpio Baby Rose

Carissimi lettori buon inizio di settimana! E' passato ferragosto e molti avranno finito le ferie, ma noi per fortuna siamo ancora in vacanza. Ne approfittiamo quindi per continuare con le segnalazioni, sperando di riuscire a pubblicare anche qualche recensione in settimana. Purtroppo, nonostante il tempo libero non stiamo leggendo molto per ora, quindi abbiamo poche recensioni da scrivere, ma rimandiamo sempre -_-" scusateci!!

Comunque come dicevo oggi vi parlo di tre libri italiani, di tre diversi autori emergenti e non.

Questa rubrica l'abbiamo voluta intitolare "Segnaliamo" per lo scopo per la quale è nata. Sarà pubblicata ogni volta che qualche autore/autrice richiede una segnalazione della propria opera. Nasce, soprattutto, per aiutare i lettori a trovare sempre nuovi libri nostrani, i quali spesso vengono sottovalutati e allo stesso tempo per aiutare gli autori ad emergere e farsi conoscere. Spero vi possa essere di aiuto.

Primo libro di cui vi parlo è edito dalla casa editrice Lettere Animate e scritto da Demetrio Verbaro. E' un libro fantascientifico e penso possa interessare a molti di voi. Momentaneamente potrete leggere solamente l'ebook.

LA FARFALLA CON LE ALI DI CRISTALLO
Lettere Animate | 135 pp.| €0,99
Il 3 marzo del 1520, il sacerdote azteco Ghetumal consegna al conquistadores spagnolo Hernan Cortes un libro sacro. Ghetumal l’aveva trovato qualche anno prima sotto la statua della dea della pioggia. Nessuno sa chi l’ha scritto, né quando. Nel libro c’è sia una profezia sul futuro: il 18 agosto del 2044 qualcosa sconvolgerà il mondo, e sia una mappa da decifrare per cambiare il corso degli eventi.
Los Angeles 2043. L’esploratore Matthew Lekos e lo studioso di storia Walden Green entrano in possesso del libro. Derisi dalla comunità scientifica per la loro ingenuità, sono gli unici a credere nella profezia e riescono a decifrare la mappa, cercando in tutti i modi di aiutare l’umanità.
La profezia sarà vera? Cosa succederà il 18 agosto del 2044?
In un susseguirsi di colpi di scena, tra svolte imprevedibili e pagine piene di suspence, il lettore arriverà all’incredibile finale.
Il romanzo è un thriller intimistico ambientato in un futuro prossimo, con uno stile diretto e ricco di pathos.

Dove posso acquistare l'eBook?
Potete trovarlo su diversi store online, come Amazon.


Il secondo libro di oggi è scritto dalla giovane Silvia Gironi e pubblicato dalla Book Sprint edizioni. Potrete trovare sia il cartaceo, sia l'eBook di questo libro. 

TRA SOGNO E REALTÀ
Il rifugio dell'anima


Book Sprint | 94 pp. | €15,00
In un giorno qualunque, ad un’ora qualunque, in un posto qualunque, Emma si rifugia nella routine di tutta una vita: casa, scuola - scuola, casa; una vita priva di sorrisi, di emozioni e di parole, una vita priva di significato. Si sentiva al di fuori del mondo, non andava per niente d’accordo con se stessa, e tutto ciò che la circondava sembrava divertirsi alle sue spalle; ma tutto questo doveva cambiare: un'ombra si presenta a lei con la sola intenzione di lasciarle dei piccoli biglietti. La paura era tanta, le domande erano troppe, ma Emma riuscì a trovare le risposte che cercava camminando per le accoglienti vie dei suoi sogni, dove scoprirà la sua vera essenza. Chi è l’ombra? Cosa vuole da Emma? E la realtà è davvero come la vediamo noi? « I sogni sono simbolo di vendetta contro la monotonia e la solitudine che si appropriano della vita del genere umano »
Dove posso acquistare il libro?
Potete trovare eBook e cartaceo sul sito della casa editrice: qui.
Invece qui trovate il sito dell'autrice Silvia Gironi. 


Infine vi propongo un thriller/noir, edito dalla casa editrice indipendente Eretica Edizioni e scritto da Sergio L. Duma. Potrete leggere solamente la versione cartacea del libro. 

SCORPIO BABY ROSE
Eretica Edizioni | 240 pp. | €13,40

Un'adolescente uccisa in un paese di provincia. Un suo compagno di classe, ossessionato da una cantante pop chiamata Scorpio Baby Rose, che decide di scoprire l'assassino, dal momento che le forze dell'ordine hanno chiuso il caso in maniera troppo frettolosa. Un mondo oscuro fatto di sesso, droga, perversione, sadomasochismo, omosessualità, travestitismo, segreti inconfessabili, satanismo, snuff-movies e, last but not least, l'orrore dell'incesto. Quando alla fine il ragazzo scoprirà la verità niente sarà più come prima.

Dove posso trovare il libro?
Potrete trovarlo sui diversi store online oppure sul sito della casa editrice: qui



Che ne pensate di questi tre libri?
Quale vi ispira maggiormente?





mercoledì 12 agosto 2015

Segnaliamo #10: Un cuore a metà - Fatal Flash - La mia vendetta con te

Carissimi lettori, buona giornata! Oggi da noi piove tantissimo e ciò significa niente mare T.T
Così abbiamo deciso di approfittarne per continuare a smaltire la lunga lista di richieste di recensioni. Oggi vi presentiamo tre titoli italiani, di autori emergenti.

Questa rubrica l'abbiamo voluta intitolare "Segnaliamo" per lo scopo per la quale è nata. Sarà pubblicata ogni volta che qualche autore/autrice richiede una segnalazione della propria opera. Nasce, soprattutto, per aiutare i lettori a trovare sempre nuovi libri nostrani, i quali spesso vengono sottovalutati e allo stesso tempo per aiutare gli autori ad emergere e farsi conoscere. Spero vi possa essere di aiuto.

Il primo libro di cui vi parliamo, edito da Lettere Animate e scritto da Silvia Maira, è un ebook. Ma presto potrete acquistare anche il cartaceo.
Potete vedere anche il booktrailer: qui

UN CUORE A METÀ

Lettere Animate | 432 pp. | €0,99
Aida Leone è una trentenne siciliana, agente immobiliare con una famiglia normale e un’amica di vecchia data, Mila, il cui legame è più forte di un vincolo di sangue.
All’improvviso, in un freddo giorno di dicembre, la sua vita tranquilla viene sconvolta dall’incontro con Ruggero Serravalle, facoltoso e affascinante imprenditore romano, trent’anni più grande di lei.
Tra i due scoppia una passione forte e travolgente, che sembra superare ogni ostacolo, sociale e generazionale. Ruggero si troverà ad affrontare la famiglia di Aida: le perplessità di papà Pietro, che ha la sua stessa età e di mamma Lucia, che avevano immaginato al fianco della loro figlia un uomo più giovane. Aida, dal canto suo, si scontrerà con l’anziana madre di Ruggero, una donna di ottanta anni dal carattere forte e volitivo, che ha un forte ascendente sul figlio e che vive nel ricordo della moglie di Ruggero, deceduta qualche anno prima, a cui la donna era molto affezionata.
Può un amore e un’attrazione così forte superare tutte le difficoltà?
Il destino sembra complicare ulteriormente le cose quando, nella vita di Aida, compare una nuova persona, Johnny, un musicista, poco più grande di lei, allegro e spensierato, che se ne innamorerà perdutamente e proverà a far breccia nel suo cuore, nonostante l’ingombrante presenza di Ruggero, con la sola ricchezza di cui dispone: la musica.
Un cuore a metà” è un romanzo ricco di emozioni, un ricamo di sentimenti che mira ad arrivare dritto al cuore del lettore, una storia vissuta tra due paesi della Sicilia, Marina di Scimeca e Fontanabella, i cui nomi sono di pura invenzione, e Roma.
Una storia ricca di colpi di scena, con un finale rassicurante, ma non scontato.


“UN CUORE A META’ ” si rivolge al lettore che vuole emozionarsi e viaggiare con la mente grazie alla forza trainante della lettura, si rivolge a chi crede che esista ancora un sentimento vero come l’amicizia, che l’amore vero va vissuto sempre e comunque. Si rivolge a chi sa emozionarsi davanti ad un tramonto sul mare e a chi subisce l’innegabile fascino di Roma.

Dove acquistare l'ebook?
Potete trovare il libro in diversi store online, come Amazon o Kobo Store.



Anche il secondo libro di oggi è edito da Lettere Animate e anche di questo potete acquistare l'ebook, presto arriverà anche il cartaceo. Si tratta di Narrativa romantica, ma non vi preoccupate, non si tratta di un erotico. Scritto da Alessandra Dilor

FATAL FLASH

Lettere Animate | 536 pp. | €2,49
L’avvocato Aaron Dallas è a New York da ormai un anno. La sua carriera avanza in ascesa e assorbe ogni suo istante. In questo modo il suo spirito tormentato sembra appagato e giunto alla condizione di pace tanto agognata e mai ottenuta a New Orleans, dove egli ha trascorso tutta la sua vita. Quando il suo passato sembra ormai lontano, imprigionato nella caotica New Orleans e sotterrato nell’angolo più oscuro dei suoi ricordi, strane coincidenze lo rimettono sulla strada di una sua vecchia conoscenza: la nota fotografa Kim Kerr.
Il passato è tornato per turbare ancora l’esistenza di Aaron, presentandogli rischi ma anche promesse. Non si può fuggire di fronte ad un ricatto. Ad Aaron non resta che accettare la sfida e misurarsi con una passione mai spenta per Kim che lo spinge a fare i conti con le ombre della sua vita.
Dove posso acquistare l'ebook?
Anche questo potete trovarlo su diversi store online, come Amazon.


L'ultimo libro di oggi, scritto da Giovanna Roma, è un dark contemporany romance. Si tratta di un'autopubblicazione. 

LA MIA VENDETTA CON TE
 240 pp. | €0,99
La rovina di lei, potrebbe essere una salvezza per lui.
Perché difendere la figlia del peggior nemico? La vendetta è a portata di mano ed è così dolce, giovane, perfetta per lui, per saziare la sua lussuria.
Elin crede di sapere come sarà la sua vita, peccato solo di non aver fatto i conti con ciò che è fuori dalla sua bolla felice.
Incontrerà un uomo di nome Maksim, disposto a tutto per la sua vendetta ed entrerà a far parte delle più note organizzazioni criminali russe. Le redini del gioco sfuggono di mano e gli equilibri che si erano creati saranno messi in discussione da passioni ed egoismi.
Riusciranno a capire di non essere più semplici avversari o verranno inghiottiti dagli interessi latenti della mafia russa?
Il blog dell'autrice: qui


Che ne pensate di questi tre libri?
Quale vi ispira maggiormente?


martedì 11 agosto 2015

What's up? I wanna ready.

Buongiorno carissimi lettori ^^ Oggi qui piove e, nonostante non mi dispiaccia che ci sia un po' di fresco, spero che finisca presto perchè rivoglio il sole e il mare T.T
Con questo post ho deciso di fare un po' di ordine e di presentarvi le mie attuali 11 letture del 2015 (lasciandovi accanto le recensioni)  e alcune delle prossime 9 (spero di arrivare almeno a 20 entro fine dell'anno).

Cosa ho letto? 
What books have i read?

Alla fine del 2014 avevo fatto una lista dei libri che volevo leggere durante quest'anno (qui): ne ho letti 3/7 ma c'è ancora tempo per gli altri ^^

-Smith e Wesson (recensione)
-La voce invisibile del vento (recensione)
-19 dicembre 43 (recensione)
-Il visconte dimezzato (recensione)
-Uno studio in rosso (recensione)
-Il dominio della regina
-Gli sdraiati (recensione)
-La signora Dalloway (recensione)
-I trasfigurati (recensione)
-Il condominio (recensione)
-Il marchio del diavolo (recensione)


Cosa vorrei leggere entro il 2015?
What will i read before 2015?

Come già accennato vorrei almeno raggiungere la soglia dei 20 libri ma tra università, impegni, e tirocinio non ne sono tanto sicuro. Proprio per questo vi lascio soltanto alcuni titoli che vorrei cancellare dalla mia reading-list >.<


A dieci anni dalla morte del suo ex fidanzato una donna ne racconta la storia alla sorella adolescente di lui, che non ha avuto il tempo di conoscerlo davvero. Greta ha quattordici anni quando conosce Nicola in occasione di una vacanza al mare, i due si incontrano ogni estate nella medesima località di villeggiatura portandosi appresso nuovi bagagli di vita reale: Greta ha i genitori separati e presto arriva anche una sorellina, la stessa cosa accade in seguito a Nicola; due esistenze speculari a trecento chilometri di distanza unite da un filo fragilissimo di fiducia e speranza. La storia di Greta e Nicola è contrastata di volta in volta da personaggi gelosi, orgogliosi, insicuri e disperati, ma soprattutto da loro stessi. Tra concorsi di bellezza e quiz televisivi la vicenda è l'occasione per ricostruire un decennio di storia italiana dal punto di vista di una generazione, a favore di chi quella generazione non l'ha mai vissuta.

Dorian Gray è un giovane di straordinaria bellezza. Un giorno viene ritratto da un suo amico pittore, Basil Hallward, in un quadro che ne rappresenta fedelmente le stupende fattezze. Proprio nello studio del pittore, Dorian conosce lord Henry Wotton, uomo cinico e senza scrupoli che diventa ben presto un punto di riferimento nella vita del ragazzo. Dorian inizia così a condurre anch'egli un'esistenza fatta di eccessi e priva di ogni scrupolo morale. Nonostante le azioni malvagie di cui Dorian si rende colpevole, tra le quali l'uccisione dell'amico Basil, e nonostante il trascorrere del tempo, il suo volto non accenna a perdere la bellezza che lo caratterizza, come fosse inattaccabile sia dai segni del tempo che da quelli della depravazione. È piuttosto il suo ritratto a mostrare il peso di tutto questo. Il ritratto di Dorian infatti, divenuto mostruoso, non è che la raffigurazione della sua anima perduta. Questa gli si mostra in tutto il suo orrore e Dorian, non sopportandone il peso, sfregia il ritratto con un pugnale, lo stesso usato per uccidere Basil. All'improvviso quel volto dipinto riacquista l'originaria bellezza, quella che tutti fino a quell'istante avevano ammirato sul volto di Dorian, dove ora appaiono invece i segni della dissolutezza e della sua vita corrotta e degradata.



A oltre un secolo dalla sua pubblicazione, Alice, come romanzo e come personaggio, conserva ancora intatta tutta la sua freschezza, incantando non solo i più giovani ma anche gli adulti, che nel suo mondo meraviglioso scoprono un altro sé, pronto a sfidare ardui giochi linguistici, entusiasmanti trucchi psicologici, situazioni impossibili che mettono in discussione la realtà e svelano l'irresistibile fascino dell'assurdo. In un romanzo in cui la sospensione dell'incredulità è d'obbligo, il gusto del gioco non può essere dimenticato e va riscoperto con occhi che sappiano guardare al di là del consueto. Perché qui è l'essenza della vita, e forse tra i sogni segreti di tanti c'è proprio la tana di un coniglio bianco in cui perdersi, uno specchio al di là del quale riscoprire la bellezza della vita reale. È letteratura per ragazzi? È un libro da leggere punto e basta


Il narratore ripercorre la lunga vicenda del fratello, Cosimo di Rondò, vissuto nella seconda metà del XVIII secolo a Ombrosa, in Liguria. Cosimo, per sfuggire a una punizione inflittagli dai suoi educatori, decide di salire su un albero per non ridiscendere mai più. Cosimo si costruisce un mondo aereo dove diversi personaggi della cultura e della politica (Napoleone compreso) lo vanno a trovare, testimoniandogli la loro ammirazione. Vive anche una tormentata storia d'amore con la volubile Viola. Cosimo muore vecchio, senza mai discendere in terra: ammalato, in punto di morte, si aggrappa alla fune di una mongolfiera e scompare mentre attraversa, così appeso, il mare.





Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all'atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l'eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia - tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra - sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è "vivo", ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato nel mondo chiamato Oltre. E ora deve affrontare il male assoluto per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati.

Avete letto alcuni di questi libri? 
E voi, cosa avete letto o vorreste assolutamente leggere?

lunedì 10 agosto 2015

Viaggio in Sicilia tra miti, storie, leggende

Esistono storie dovunque. Sin dalla sua comparsa sulla terra, l'uomo ha raccontato storie del suo vissuto attraverso pitture rupestri, pergamene, tavole di argilla, canti tramandati da generazioni.
L'uomo ha bisogno di storie, di trovare delle radici a cui aggrapparsi, di viaggiare con la mente valicando limiti e scoprendo nuovi orizzonti. Oggi viaggiamo insieme alla scoperta delle storie siciliane: che siano soltanto leggende, o che abbiano un pizzico di verità, diverse e affascinanti sono le storie che vedono come sottofondo scenografico l'antica terra siciliana. 

LA NASCITA DELLA SICILIA

Si racconta che i tre promontori (capo Peloro,capo Passero,capo Lilibeo), che rappresentano le punte estreme dell’isola e che le danno una forma triangolare, sorsero grazie a tre splendide ninfe che vagavano per il mondo a passi di danza, raccogliendo dai terreni più fertili manciate di terra, sassi e piccoli frutti. Arrivate in una regione che aveva un cielo particolarmente luminoso e limpido, le tre ninfe nel danzare andarono gettando in mare tutto quello che avevano raccolto nel loro girovagare: tutto ciò che venne buttato formò tre promontori. Il mare tra i tre promontori si illuminò come un arcobaleno e si solidificò, colmando lo spazio che separava i promontori.

Un’altra leggenda sulla nascita della Sicilia affonda le sue radici nel mito classico della lotta tra i Giganti e gli Dei. Dalle vette dei monti, i Giganti, guidati da Alcioneo, scagliavano massi e tizzoni ardenti contro gli dei e questi ultimi, a loro volta, scagliavano dardi, fulmini e massi contro di loro. Durante lo scontro, uno dei giganti, Encelado tentò di fuggire, ma venne colpito da Atena da un enorme masso: la Sicilia. L’urto fece crollare il gigante, che rimase per sempre sotterrato dal peso dell’isola. Il mito narra, ancora, che l’attività del vulcano Etna abbia origine dal respiro infuocato del gigante e che i terremoti vengano provocati dai suoi tentativi di scrollarsi dalla terra che lo sotterra. 

Un'ulteriore leggenda risale, presumibilmente, al periodo delle dominazione bizantina o araba in Sicilia. Una fanciulla, di nome Sicilia, nacque in un paese orientale, bagnato dal mar Mediterraneo. Alla suo nascita, un oracolo aveva profetizzato che, se la fanciulla avesse voluto superare il quindicesimo anno di età, avrebbe dovuto abbandonare la sua terra natia “da sola ed in barca” mentre se non lo avesse fatto, sarebbe stata divorata da un terribile mostro.
Compiuto il quindicesimo anno di età, la fanciulla, pertanto prende il largo affrontando un viaggio di tre mesi. Ormai prossima alla morte, viene spinta dai venti su una terra rigogliosa, riscaldata da un sole caldo e luminoso e ricca di alberi, di piante e di fiori. Saziata la fame e la sete, Sicilia avverte il peso della solitudine e si abbandona alle lacrime, fino a non averne più da versare.
Le si avvicina, allora, un bellissimo giovane che la conforta e rassicura.
Costui le spiega il perché di quella terra senza abitanti: un tempo quella terra era popolata, ma una terribile pestilenza fece morire tutti gli originari abitanti.
Il giovane aggiunge che gli dei vogliono che questa terra torni ad essere popolata da una razza migliore di quella precedente e per farlo hanno scelto proprio loro: dall'unione dei due giovani nascerà il popolo siciliano.


COLAPESCE

La leggenda narra di un certo Nicola con il diminutivo di "Cola" di Messina, figlio di un pescatore, soprannominato Colapesce per la sua abilità di muoversi in acqua.
Quando torna dalle sue numerose immersioni in mare racconta le meraviglie che vede, e addirittura una volta porta un tesoro. La sua fama arriva al re di Sicilia ed imperatore Federico II che decide di metterlo alla prova. Il re e la sua corte si recano pertanto al largo a bordo di un'imbarcazione. Per prima cosa butta in acqua una coppa, e subito Colapesce la recupera.
Il re getta allora la sua corona in un luogo più profondo, e Colapesce riesce nuovamente nell'impresa. Per la terza volta il re mette alla prova Nicola gettando un anello in un posto ancora più profondo, ma passa il tempo e Colapesce non riemerge più.
Secondo la leggenda, scendendo ancora più in profondità Colapesce aveva visto che la Sicilia posava su tre colonne delle quali una corrosa, ed aveva deciso di restare sott'acqua, sorreggendo la colonna per evitare che l'isola sprofondasse.


"La genti lu chiamava colapisci

picchì stava 'ntò mari comu un pisci
dundi vinia nun lu sapia nessunu
fors'era figghiu di lu diu nettunu
un jornu a cola u re fici chiamari
e cola di lu mari curi e veni"



LA BARONESSA DI CARINI

Aveva soltanto 14 anni Donna Laura Lanza quando, per volere del padre, sposò il barone di Carini. Di grande bellezza e ottima famiglia, Laura era una ragazza contesa, in grado di dar lustro a molte delle famiglie locali. I migliori candidati del tempo erano i Vernagallo e La Grua-Talamaca che pare abbiano bruciato i tempi e chiesto per primi la donna in sposa per il figlio Vincenzo, barone di Carini. Il 21 dicembre 1543 la giovanissima Laura si sposò, sebbene la simpatia e tenerezza che la ragazza provava verso Ludovico Vernagallo fossero note a tutti. Il matrimonio non turbò tuttavia il legame di amicizia tra le due famiglie, anche perché Ludovico era considerato di casa. Ma l’idillio non sarebbe durato. Col tempo iniziarono infatti ad emergere i primi contrasti tra i La Grua, i Lanza e i Vernagallo, conflitti che alimentarono insinuazioni e calunnie, portando inoltre a quel tragico evento per cui la storia della baronessa di Carini divenne in seguito leggenda. Stando ai racconti della tradizione, si narra che, in preda alla delusione per un matrimonio infelice e un marito che la trascurava, la donna, in realtà innamorata da sempre di Ludovico Vernagallo, abbia ceduto alla passione diventandone presto amante. Purtroppo scoperta sia dal marito che dal padre, la donna venne da loro brutalmente uccisa. Sempre secondo la leggenda, l’omicidio avvenne in una stanza poi crollata e originariamente situata nell’ala ovest del castello in cui viveva la famiglia, lì dove la stessa leggenda vuole che su una parete sia rimasta per lungo tempo l’impronta insanguinata della baronessa. I documenti che si riferiscono a questa vicenda confermano in parte la leggenda. Di alcune carte conservate negli archivi di Carini fa parte la comunicazione che l’allora Viceré di Sicilia fece alla Corte di Spagna di un omicidio appena avvenuto: Cesare Lanza, barone di Trabia e conte di Mussomeli, aveva ucciso la figlia Laura e Ludovico Vernagallo. Inoltre, conservati nell’archivio della Chiesa Madre di Carini, vi sono anche l’atto di morte della baronessa, redatto il 4 dicembre del 1563, insieme a quello di Ludovico. Non esiste invece alcun documento certo che attesti che tra i due giovani vi fosse in realtà un rapporto molto più che amichevole. Ed è qui, nella mancanza di altri dati che possano spiegare la dinamica del tragico evento, che ha attecchito la leggenda. Cesare Lanza di Trabia avrebbe ucciso con la complicità del genero la figlia Laura e, attraverso dei sicari, anche Ludovico Vernagallo, colpevoli di aver leso con il loro tradimento l’onore della famiglia.



Libri consigliati:

Racconti siciliani  




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...